Milan-Atalanta: San Siro terra di conquista, Allegri a casa?

Scritto da: -

Anche la squadra di Colantuono porta a casa l'intera posta in palio con una partita ordinata,

allegrimax.jpg

Non serve neanche intingere la penna (pardon, la tastiera) nell’acido per parlare male del Milan. Anzi, la squadra di Allegri fa persino tenerezza. Ci prova fino in fondo, ma ha perso i denti e le unghie. E San Siro è terra di conquista anche per l’Atalanta. In tre incontri giocati finora al Meazza hanno sempre festeggiato le squadre che viaggiavano: Sampdoria, Roma e questa sera i bergamaschi, in gol con Cigarini.

Ora si parla di un Allegri a rischio esonero. Il che sarebbe assurdo. Che colpe ha l’allenatore rossonero se dopo aver guidato la Ferrari, improvvisamente si è trovato al volante di una Cinquecento (quella vecchia, non la nuova)? Anzi, forse una colpa ce l’ha: non aver salutato tutti anche lui quando i dirigenti gli hanno venduto chiunque passasse in quel momento da via Turati.

La vittoria di Bologna era stata illusoria. Chi pensava che con la pausa, la squadra avrebbe trovato i meccanismi giusti, è rimasto deluso. La difesa soffre, il centrocampo non ha piedi buoni, l’attacco è sulle spalle di un Pazzini che non vede palla per 96′. Non c’è più lo scassinatore Ibrahimovic, l’uomo che aveva in tasca chiavi e piede di porco per aprire anche le difese blindate. Il Milan soffrirà tutto l’anno contro chi si chiuderà. E saranno molti.

Una nota positiva nel grigiore rossonero? De Jong comincia a far vedere qualcosa. Peccato che sia lento lento. Emanuelson gioca un ottimo primo tempo. Poi basta. E considerando che De Jong ed Emanuelson di Van Basten e Gullit, o anche di Van Bommel, hanno solo il Paese di nascita…

La stagione anonima che in molti avevano pronosticato per il Milan pare concretizzarsi già a metà settembre. Ma forse è un po’ presto per cantare il de profundis. Non dimentichiamo che ai box ci sono Robinho e soprattutto Pato. Due che se non altro davanti sanno il fatto loro.

Certo, quando iniziano ad arrivarmi sms del tipo: “Questo è il Milan B, dove sono i titolari?”, non posso che rispondere: “A Parigi!. E sentirmi dire: “E uno a Sion”. Aggiungiamo pure chi è andato in Brasile. Di quella stupenda porcellana, pregiata, che era il Milan, sono rimasti i cocci. E non sono belli da vedere…

P.S.: Sullo 0-1 Allegri toglie El Shaarawy e inserisce Bojan: e il coraggio dov’è l’ha lasciato mister? Colantuono sull’1-0 toglie un centrocampista, Bonaventura, e inserisce la punta De Luca…

LINK UTILI:

Ibrahimovic: “Al Paris si può vincere la Champions, al Milan no”

Zlatan Ibrahimovic addio Milan: “un passo avanti nella mia carriera”

Ibrahimovic: “Al Milan sono dei poveracci”

Milan news: Ai bluff di Galliani non ci crede più nessuno.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
  • nickname Commento numero 1 su Milan-Atalanta: San Siro terra di conquista, Allegri a casa?

    Posted by:

    Non è colpa dell\'allenatore ha in mano una squadra di pippe! Scritto il Date —