Roma contestazioni: "Datece Zeman", e allora peggio per voi!

Il cuore giallorosso non batte più per Luis Enrique che a fine campionato farà le valigie. E un altro uomo gentile ed educato lascerà il calcio italiano per fare spazio al silenzio e alle polemiche di Zeman.

zemanroma.jpg


"Datece Zeman": questo striscione campeggiava ieri in Curva Sud, il cuore del tifo della Roma. Neanche il gol del pareggio di Simplicio ha calmato le contestazioni. Il pubblico giallorosso ha scelto il colpevole: è Luis Enrique. Inutile che la dirigenza continui a confermarlo e a esporsi in prima persona: il destino dell'allenatore catalano pare segnato.


Francesco Totti, al fischio finale, è andato ad ascoltare le lamentele dei più esagitati della Curva, ma a che pro? Tanto la ghigliottina è pronta per l'allenatore che ha provato a cambiare la mentalità di una città che pare fatta apposta per non giocare al calcio: Roma.

D'altronde, Roma è la capitale dell'Italia, nazione che non ha pazienza con chi vuole costruire. Tutto e subito. Altrimenti, la porta è quella: prego accomodarsi all'uscita.


Già è stato un miracolo che Luis Enrique sia arrivato fin qui e che ormai riesca a terminare la stagione da allenatore della Roma. Forse il merito è dei proprietari americani: loro non hanno la nostra mentalità. Almeno finora hanno dimostrato ciò. E dell'ombrello che Baldini e Sabatini sono riusciti a mettere sopra alla testa di Luis.


Ma il 13 maggio è vicino, la resa dei conti anche. Che poi magari è proprio lo spagnolo che deciderà di andarsene. Fiero di aver comunque svolto il suo lavoro, sempre con signorilità. Non ricordo una parola fuori posto, nè con i giornalisti nè con l'ambiente esterno. E di motivi ne avrebbe avuti. Ha imposto il rigore negli spogliatoi, assistito in questo ancora una volta dalla società. Ha perso spesso, è vero, ma il progetto è cominciato meno di un anno fa.


Tanto le mie parole non servono. A Roma vogliono Zeman. Vogliono affossarsi definitivamente. Assistere a pirotecnici 6-6 che non portano a nulla. Perché Zeman fa bene nelle piazze tranquille. Dove può lanciare i giovani. Un po' come Luis Enrique, che per questo motivo a Roma non potrà proseguire. Peccato.


Mi riserverò di ringraziarlo di tutto a fine campionato. Nel frattempo, Roma e la Roma hanno scelto il loro destino: non vincere. Non sorridere. Come la storia giallorossa ben rappresenta: tre scudetti miracolo, tante occasioni buttate al vento, giocatori e allenatori triturati dall'impazienza (fatta passare per troppo calore). Prendetevi Zeman. Ma poi non piangete.


P.S.: Solo una settimana fa il messaggio era completamente diverso: "Adelante Luis"...


luisvia.jpg luisvia2.jpg luisvia3.jpg luisvia4.jpg luisolè.jpg


LINK UTILI:


Lite Vialli Zeman: le scaramucce riprendono su Twitter


Pescara gol: solo Zeman pratica il gioco offensivo

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO