Milan-Juventus: Galliani negli spogliatoi che ci è andato a fare?

Nell'intervallo, il dirigente del Milan avvicina Tagliavento, il direttore della comunicazione della Juve e Conte. E' rissa verbale.

nocerinogol.jpg


La notizia è che dopo il Milan-Juventus di ieri sera le due società hanno rotto i rapporti che finora si erano mantenuti sempre buoni (e figuriamoci se non lo fossero stati...). L'altra novità è che adesso i dirigenti possono tranquillamente entrare negli spogliatoi nell'intervallo e avvicinare l'arbitro. Lo ha fatto Adriano Galliani. Ma quando lo facevano Luciano Moggi e Antonio Giraudo non era reato? Non era un tentativo di modificare gli eventi e ammorbidire i direttori di gara troppo duri con i bianconeri?


Questa la ricostruzione di Mediaset all'intervallo. Galliani, più tifoso che dirigente anche in questo caso, avvicina l'arbitro Tagliavento e gli urla: "Ma non l'hai visto che era gol? Era dentro e di tanto!". E' solo l'inizio della rissa verbale.

Perso ogni controllo, l'amministratore delegato (sic!) rossonero se la prende con Albanese, direttore della comunicazione della Juve: "Voglio vedere se adesso hai ancora il coraggio di lamentarti". Lì vicino c'è pure Antonio Conte, sanguigno di natura, che risponde per le rime: "Da che pulpito".


Addirittura, Galliani fa per andare verso l'allenatore bianconero con fare poco pacifico, è Clarence Seedorf che lo placca prima che sia troppo tardi (forse Conte è un tantino più in forma del milanista senza capelli). Conte urla a Galliani: "Zitti, siete la mafia del calcio". Nel dopopartita, l'allenatore di Madama resterà sul vago: "C'è stato un concitato scambio di battute. Certo, non mi aspetto di venire insultato mentre esco dal campo".


Galliani lascia San Siro. Ufficialmente per problemi di pressione. Beppe Marotta chiede a qualche commissario federale se abbia assistito alla scena per trascrivere tutto. Il toscanaccio Max Allegri così commenterà alla fine questo episodio: "Non so se posso parlare, devo prima chiedere il permesso a Marotta".


In campo, invece, non erano volate battute. Con un vero e proprio inseguimento e con la caccia all'uomo fin dentro gli spogliatoi al fischio finale. E pensare che Milan-Juve era cominciata in sordina, nessuna l'aveva pompata finora... strano eh che sia finita così?


P.S.: A Galliani, per curare la pressione, consiglio di guardarselo il secondo tempo dove, che caso, dopo il faccia faccia arbitro e guardalinee hanno fatto finta di niente nella gomitata di Mexes a Borriello (il quarto uomo era Rizzoli e non lo considero nemmeno visto che è pappa e ciccia con il Milan) e il famigerato guardalinee Romagnoli è stato solerte nel segnalare un fuorigioco inesistente sull'1-1 di Matri. Ah, e se non bastassero queste gocce di sedativo, si vada a rivedere anche questo simpatico video, con accompagnamento musicale.



FOTO PARTITA:


La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012 La fotogallery di Milan-Juventus del 25 febbraio 2012


FOTO GOL MUNTARI:


Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma Le Foto del gol fantasma


LINK UTILI:
Milan-Juventus: il gol di Muntari ERA in fuorigioco.


Milan-Juventus: il gol di Muntari NON ERA in fuorigioco.


Milan-Juventus, Pellegatti perde la testa in diretta poi si scusa: Ordine dei Giornalisti dove sei?


Milan Juventus 1-1: Carlo Pellegatti insulta Conte e Twitter si divide.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO