Calcio scommesse Quagliarella: ecco il verbale completo dell'interrogatorio

Scritto da: -

L'attuale attaccante della Juventus parla del suo breve periodo al Napoli e della presunta combine in Napoli-Sampdoria.

quagliarellafabio.jpg

E’ stato oggi pubblicato dal Corriere dello Sport l’interrogatorio a cui fu sottoposto Fabio Quagliarella (foto: infophoto) il 16 giugno del 2011 presso la procura di Napoli, in merito alla presunta combine del match tra i partenopei e la Sampdoria.

Ecco le parole dell’attuale attaccante della Juventus: “Sono attualmente tesserato, come noto, per la Juventus Football club s.p.a. ma sino al 30 giugno 2010 sono stato un calciatore del Napoli Calcio. Fui ingaggiato dal Napoli l’anno precedente e firmai un contratto quinquennale. L’anno successivo, tuttavia, accettai di andare in cd. prestito con obbligo di riscatto alla Juventus”.

“A domanda, preciso che tale scelta fu determinata da ragioni prettamente calcistiche. In pratica, già durante il campionato vi erano state frizioni ed incomprensioni con alcuni dei compagni. In pratica mi sentivo emarginato nel gioco della squadra e mi capitava di accorgermi che qualche compagno faceva di tutto per non passarmi la palla. Tuttavia, si trattava di normali questioni tecniche tipiche della vita sportiva di noi calciatori. Posso altresì aggiungere che in questo mio disagio non mi sentivo compreso e sostenuto dalla società, ma mai avrei pensato di interrompere così bruscamente dopo solo un anno il mio rapporto con il Napoli se non si fossero verificate le vicende delle quali ora dico, ma tutte sempre di mero rilievo sportivo”.


“In pratica, fui convocato in Nazionale per partecipare ai mondiali in Sudafrica e mentre ero in ritiro leggevo sulla stampa sportiva italiana che ero considerato cedibile dalla mia società. Ogni giorno erano pubblicate notizie che mi davano prossimo a essere ceduto a questa o quella società. La cosa, naturalmente, mi dava fastidio, perchè era sintomo di una chiara crisi di fiducia della dirigenza, che altrimenti sarebbe intervenuta, come in altri casi, per dichiarare incedibile il proprio giocatore”.


“Al ritorno in Italia, appresi persino che le trattative del Napoli con la società russa del Rubin Kazan erano a un passo dal concludersi e questa fu la goccia che fece traboccare il vaso. Chiesi così al mio procuratore, avv. Giuseppe Bozzo, di trovarmi una nuova squadra e ben presto fu la Juventus a farsi avanti. La formula del prestito con diritto di riscatto credo sia però interpretata dalla Juventus nel senso dell’effettivo mio trasferimento definitivo a Torino, ciò che comporterà, come da contratto, il pagamento di 10 milioni e mezzo di euro. A domanda, preciso che il mio ingaggio era di circa 1.800.000.00 euro l’anno ed erano poi previsti premi in denaro ove avessi segnato 12 gol e poi magari 18 in ogni campionato”.


“A domanda, preciso che quando nel campionato 2009-2010 si giocò Napoli-Parma, io avevo già segnato 9 gol e mancavano, se non sbaglio 5 giornate alla fine del campionato.  La partita si mise subito bene per me e per la mia squadra. Segnai un gol, ma poi il Parma pareggiò e si potrò in vantaggio. Riuscimmo a pareggiare ancora con un gol segnato su mio assist e poco dopo fui espulso dall’arbitro. A domanda, preciso che la mia espulsione fu dovuta alle proteste che feci avverso la decisione dell’arbitro di non punire con un rigore un fallo commesso su di me da un difensore del Parma. L’arbitro mi ammonì e io a quel punto persi la testa, perchè l’ammonizione comportava, essendo io stato già diffidato dal giudice sportivo, l’automatica squalifica per il turno successivo. Fu così che usai frasi offensive nei riguardi dell’arbitro e a ciò seguì la mia espulsione. In conseguenza di ciò, fui squalificato anzichè per una giornata per tre giornate”.


“Prendo atto che così si rendeva ancor più difficile raggiungere l’obiettivo del premio, ma ripeto che persi la testa per la rabbia e non feci calcoli. La partita si concluse con la sconfitta della mia squadra ormai ridotta in inferiorità numerica. Comunque, la partita Napoli-Parma segnò un chiaro momento di crisi del mio rapporto col Napoli. Non soltanto perchè mi fu irrogata dalla società una multa assi salata (28 mila euro), ma soprattutto perchè mi sentii abbandonato a seguito della decisione della società, comunicazione a mezzo stampa, di non fare ricorso avverso la squalifica, per tentare di ottenere una riduzione”.

Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1 Le foto di Svizzera - Italia 1-1

LINK UTILI:

Palermo-Juventus: Quagliarella - Bonucci, sorpasso al Milan

Juventus rinnovi: Matri e Bonucci 2017, Quagliarella 2015

LINK UTILI CALCIO SCOMMESSE:

Calcioscommesse, Doni: “Partite truccate già nel 2000″

Bufera calcioscommesse: pm a caccia dei milanesi

Il ruolo di Sculli in Genoa-Sampdoria

Buffon, 1,5 milioni di giocate

Calcio scommesse, Buffon: “Bonucci pulito, ci metto la mano sul fuoco”

Calcio scommesse: spunta il nome di Bonucci

Calcio scommesse 2012 news: Monti chiede sospensione di 2-3 anni. Perchè non entra subito in azione?

Monti vuole chiudere il calcio: grande, Premier, bel discorso qualunquista.

Calcio scommesse 2012 news: Monti chiede stop campionato per 2-3 anni, sono d’accordo.

Calcio scommesse 2012 news: Monti chiede sospensione di 2-3 anni, il mio applauso a una grande idea.

Vota l'articolo:
3.75 su 5.00 basato su 4 voti.